Poltrona da camera: diversi stili per arredare con carattere

Tavoli, sedie, librerie e armadi sono alcuni dei complementi di arredo che definiscono lo stile e la personalità della stanza in cui vengono collocati. Tra questi complementi si trovano anche le poltrone da camera, ideali per diverse tipologie di utilizzo. È importante scegliere la poltrona giusta sia per fattezza e comodità, che per il design che la caratterizza.

Proprio perchè è importante scegliere la giusta tipologia di sedia per la propria stanza, con questo articolo entriamo nel dettaglio delle poltrone da camera scoprendo quali sono le tipologie di poltrone e i diversi stili di arredamento a cui è possibile abbinare ciascuna poltrona da camera.

Poltrone da camera: tipi di sedie e abbinamenti di arredamenti

Esistono così tanti stili e modelli di poltrona da camera che la scelta non è semplice come sembra. Solitamente la sedia sembra essere l’elemento di arredo che viene scelto come ultimo componente della stanza, ma l’importanza della poltrona è fondamentale per definire la personalità della camera stessa. Per questo scopriremo insieme i diversi tipi di poltrone da camera e quali sono gli abbinamenti di arredamento ideali per ogni poltrona.

Si può variare infatti dalla comoda poltrona per relax alla poltrona dal design moderno e originale; dalle poltrone da camera vintage alle poltrone da camera in pelle o le poltrone per una camera da letto contemporanea.

Poltrona da camera classica

Se si vuole dare un tocco di eleganza, ordine e di luminosità alla propria camera da letto, si può optare per una poltrona da camera classica: un oggetto con un design pulito e sofisticato, che si può adattare a diverse tipologie di utilizzi. L’abbinamento migliore per questo tipo di poltrona da camera è uno stile di arredamento classico, che richiede uno sforzo notevole ma che garantisce un ottimo colpo d’occhio per gli ospiti.

Poltrona da camera in stile moderno

Per chi invece ha bisogno di dare più carattere alla propria camera da letto, la scelta migliore ricade su delle poltrone da camera in stile moderno, senza rinunciare però al tocco di design. Questo tipo di poltrona, per una camera da letto contemporanea, di solito consente di non scendere a compromessi tra bellezza e comfort.

Per arricchire una stanza con un arredamento shabby chic si consiglia di inserire nella camera una poltrona caratterizzata da linee sinuose, con una imbottitura morbida e piedini arzigogolati. L’atmosfera ricreata da questo stile, in cui si inserisce perfettamente una poltrona in stile shabby chic, è tendenzialmente soft, composta da colori pastello che fanno sembrare l’arredamento datato ma non di antiquariato.

Poltrona da camera vintage

Tra i tantissimi stili di arredamento e di poltrone, per dare un’atmosfera unica senza tempo alla propria camera da letto, non c’è nulla di meglio che una poltrona vintage, da abbinare a un mobile retrò e molto colorato degli anni ‘50. L’alternativa, per mantenere comunque lo stile vintage, è la scelta di una poltrona in pelle bianca, che richiama uno stile di arredamento tipico degli anni ‘70.

Tra le ultime proposte, ma non per importanza, si trova la poltrona da camera in pelle bianca, ottima per chi ama combinare stili diversi e cerca nella stanza una maggiore versatilità.

Poltrona da camera: accostamenti di colori

Per quanto riguarda gli accostamenti di colori nell’arredamento della camera da letto, la sedia diventa un elemento ancora più importante. Con un pavimento scuro, color cioccolato, il consiglio è quello di scegliere una poltrona da camera di una tonalità ambrata da abbinare poi ad un mobile bianco.

Se nella stanza invece dominano colori intensi come il nero, il bordeaux o l’azzurro, si possono smorzare i toni con una poltrona da camera grigia. La poltrona da camera, in questo caso, diventa importante per un tocco estetico, e per un equilibrio visivo che gli ospiti noteranno indubbiamente trascorrendo del tempo in quella stanza.

Poltrona da camera: imbottiture e rivestimenti

La tendenza di questo ultimo periodo è quella di far ritornare la camera ad essere il vero e proprio protagonista dell’esperienza del cliente. La camera, infatti, è il luogo in cui solitamente il cliente trascorre la maggior parte del suo soggiorno, per questa ragione, la poltrona da camera può diventare l’elemento d’arredo centrale per l’esperienza degli ospiti in grado anche di contribuire, attraverso il suo design, al legame fra i diversi elementi molto più statici della stanza come i tendaggi, la biancheria e i rivestimenti.

Di fatto, seguendo questa tendenza, i materiali con cui sono composte e imbottite le poltrone da camera possono diventare elementi chiave per dare carattere ed unicità all’ambiente. Le poltrone da camera imbottite sono solitamente composte da tre elementi: la struttura portante, l’imbottitura e il rivestimento, dove la qualità di ciascuna delle tre componenti è fondamentale per ottenere un’ottima poltrona da camera in grado di soddisfare i gusti anche dell’ospite più raffinato.

Se la struttura portante è quella che garantisce solidità e robustezza, il rivestimento dona versatilità alla poltrona che pur mantenendo la medesima struttura attraverso fodere diverse e cuscini sfoderabili si adatta a diversi stili di arredamento: laccature e tinte unite per poltrone da camera classiche, tinte decapè e screpolate unite a tessuti più grezzi per poltrone da camera shabby o vintage.