Un ristorante perfetto in cinque punti

Quali sono i motivi per cui un ristorante è il preferito di qualcuno, e un cliente, da occasionale, diventa un ospite abituale?

Vi siete mai fatti questa domanda? Avete mai pensato a come rendere il locale che gestite il luogo perfetto per i vostri clienti?

Di sicuro ci deve essere un menu che incontra i loro gusti, ma sono importanti anche il modo in cui li accogliete, l’illuminazione giusta, la comodità della seduta, un arredamento in linea con la filosofia del locale.

Sono tutti aspetti che rendono il vostro ristorante un luogo che le persone ricordano con piacere.

Potete aprire un bistro, una taverna, un locale di design o il regno di uno chef stellato.

Le atmosfere cambiano, le esigenze di chi vi sceglie sono diverse. Ma la scelta dell'arredamento resta fondamentale.

COME SCEGLIERE L’ARREDO PERFETTO PER IL VOSTRO RISTORANTE?

1. L’ambiente perfetto per il vostro ristorante: raccontate la storia che c’è nel piatto

Come prima cosa scegliete un tema, un concept, per creare la personalità del vostro ristorante, che rispecchierà il cibo che servirete.

Ogni dettaglio deve raccontare una storia, e nessun aspetto deve sembrare superfluo o aggiunto per caso.

Se siete in un edificio storico, può essere valorizzato con arredamento in stile, se il locale è moderno sceglierete sedie, tavoli e posate che si integrino in un’atmosfera minimal.

Ma potete creare un contrasto tra elementi classici e antichi e altri più nuovi, mantenendo sempre un equilibrio e senza creare confusione.

I colori e lilluminazione aiutano a creare la personalità del locale: luci più soffuse creano un’atmosfera intima e romantica, luci colorate sono più adatte a un locale di design.

E ancora, un ambiente bianco e nero si può accendere con tocchi di colore inaspettati.

Qualche ispirazione può arrivare da alcuni locali in giro per il mondo che sono stati arredati seguendo dei temi stravaganti e inediti.

2. Lo spazio del vostro ristorante: fate posto a tutti i clienti

Pensate agli aspetti operativi della gestione: quante persone potrà ospitare? Quanto personale ci sarà in sala? Tutti si devono poter muovere comodamente, sia i commensali che il personale.

Gestite lo spazio tra i tavoli per garantire la riservatezza di chi è seduto, che deve poter chiacchierare in tranquillità senza che i suoi discorsi siano sovrapposti a quelli dei vicini.

Lo spazio deve facilitare il passaggio dei camerieri e dei clienti quando si alzano dal tavolo.

I piatti devono arrivare facilmente a tutti i commensali e nessun tavolo deve essere messo in posizione scomoda: tutti gli ospiti devono sentirsi a loro agio.

Scarica l'ebook

3. Le sedute del locale: mettete comodi i vostri clienti

L'eleganza classica del design italiano va oltre le mode, e rimane una certezza nell'arredamento.

Non cedete all’originalità a tutti i costi: la sedia non deve avere troppi dettagli che disturbino il cliente.

Che la vostra scelta ricada su una seduta neutra, che ben si armonizza con l’ambiente, o che la vogliate usare come dettaglio di carattere del vostro locale, il primo pensiero deve essere la comodità di chi la utilizzerà.

Una sedia neutra che vive bene in tanti contesti e che si può adattare a stili e atmosfere diverse è il modello Kora, mentre Marilyn è una sedia dal carattere molto più deciso.

I ristoranti di lusso avranno delle sedie particolarmente confortevoli che invitano a degustare il proprio pasto con calma, a differenza di un fast food dove tutto (a partire dal nome) è studiato per mangiare in velocità. Ad esempio, una sedia adatta a un ristorante di questo tipo è Nea, che si può personalizzare nei colori e nei tessuti per armonizzarla allo stile del locale.

Per garantire la massima comodità a tavola, mantenete circa 80 cm di spazio per ogni commensale al tavolo, quindi circa 10 cm da una sedia all’altra. La sedia con i braccioli è di certo più comoda ma non è adatta ad ambienti piccoli perché occupa molto più spazio.

Soprattutto se l’ambiente è piccolo, anche i camerieri non devono essere disturbati da sedie troppo alte o decorazioni ingombranti. La Luigi XVI è un modello funzionale se lo spazio del vostro ristorante è limitato.

4. I tavoli del vostro ristorante: favorite la compagnia

Anche il tavolo deve rispettare gli spazi che avete a disposizione e il numero di persone che potranno occuparlo.

Un agriturismo potrà ospitare tavolate numerose, in un bistro metterete tavolini da due o da quattro per piccole compagnie o coppie.

I tavoli rotondi con un unico appoggio centrale sono più comodi per i commensali perché non hanno gambe esterne che disturbano, mentre i tavoli rettangolari o quadrati sono più adatti a uno spazio piccolo o a locali frequentati da gruppi eterogenei, perché si possono unire o dividere a seconda delle esigenze.

Potete predisporre per ogni tavolo dei portaborse, degli attaccapanni, dei faretti o dei lampadari, oppure giocare con i tovaglioli per creare delle coreografie.

Un centrotavola colorato o fiori freschi su tovaglie neutre daranno personalità alle vostre tavole.

Scarica l'ebook

5. I dettagli: comunicate la personalità del ristorante

Il gusto del locale, come dicevamo all’inizio, deve rispecchiare quello che servirete in tavola.

Se larredamento è neutro, attenti ai dettagli. Nei ristoranti dal design minimal ogni cosa sarà impeccabile e niente fuori posto, perché in un ambiente pulito e senza troppi arredi ogni particolare salta all’occhio.

Se, invece, lo stile che avete scelto è più definito, che sia rustico, classico, shabby chic, state attenti a non sovraccaricarlo di suppellettili che possono creare confusione.

Qualche esempio?

Con un menu raffinato, usate argenterie e dettagli brillanti, e materiali che diano un'allure di eleganza all'ambiente, come velluti, ottoni, marmi, specchi.

Anche le sedute potranno avere dei dettagli preziosi che sottolineano ancora di più il lusso del locale, come il modello Royal.

Con una cucina tradizionale, anche i materiali saranno tradizionali: legno, rame, pietra, cotone.

La seduta si dovrà ben uniformare a questo tipo di ambiente rustico e familiare, che dovrà ricordare il più possibile quello casalingo, ma senza essere dimesso. Un modello adatto a un ristorante di cucina tradizionale è Linda 2.

Lo stile industriale va bene per una cucina più moderna e fusion. Questi locali si trovano in vecchi edifici ristrutturati come fabbriche o magazzini, sono spazi aperti dove il design è fatto di linee semplici e sobrie e materiali che evocano robustezza, come i mattoni, il ferro e, naturalmente, il legno. In armonia con gli arredi di recupero, tipici di questo stile, la sedia dovrà avere una personalità molto decisa, come quella di Alma.

Conclusioni

Unite la vostra personalità, la vostra filosofia in cucina, la comodità degli ospiti e del personale, trovate un’armonia tra queste esigenze e arredate il vostro locale: vedrete che in molti lo definiranno il loro ristorante preferito.

Avete un progetto per rinnovare il vostro locale e lo volete condividere con noi?

#mc_embed_signup{background:#fff; clear:left; font:14px Helvetica,Arial,sans-serif; } /* Add your own MailChimp form style overrides in your site stylesheet or in this style block. We recommend moving this block and the preceding CSS link to the HEAD of your HTML file. */

Raccontaci il tuo progetto!

*Campi Obbligatori

(function($) {window.fnames = new Array(); window.ftypes = new Array();fnames[1]='FNAME';ftypes[1]='text';fnames[2]='LNAME';ftypes[2]='text';fnames[0]='EMAIL';ftypes[0]='email';fnames[3]='MMERGE3';ftypes[3]='text'; /* * Translated default messages for the $ validation plugin. * Locale: IT */ $.extend($.validator.messages, { required: "Campo obbligatorio.", remote: "Controlla questo campo.", email: "Inserisci un indirizzo email valido.", url: "Inserisci un indirizzo web valido.", date: "Inserisci una data valida.", dateISO: "Inserisci una data valida (ISO).", number: "Inserisci un numero valido.", digits: "Inserisci solo numeri.", creditcard: "Inserisci un numero di carta di credito valido.", equalTo: "Il valore non corrisponde.", accept: "Inserisci un valore con un'estensione valida.", maxlength: $.validator.format("Non inserire più di {0} caratteri."), minlength: $.validator.format("Inserisci almeno {0} caratteri."), rangelength: $.validator.format("Inserisci un valore compreso tra {0} e {1} caratteri."), range: $.validator.format("Inserisci un valore compreso tra {0} e {1}."), max: $.validator.format("Inserisci un valore minore o uguale a {0}."), min: $.validator.format("Inserisci un valore maggiore o uguale a {0}.") });}(jQuery));var $mcj = jQuery.noConflict(true);

FontiIndependent: The psychology of restaurant design revealed.