Il Diario - Fabbrica Aperta

FABBRICA APERTA

“Non c’è miglior chiave che la volontà di aprire una porta.” 

Per la prima volta il nostro stabilimento produttivo a Casale di Scodosia è stato aperto al pubblico: sabato 28 maggio, con gioia e gratitudine, abbiamo voluto accogliere tra le nostre mura amici, conoscenti, colleghi, collaboratori e concorrenti, con la convinzione che solo attraverso l’apertura si possa creare uno scambio virtuoso fatto di dare e ricevere. 

L’attività all’interno della nostra fabbrica inizia nel 1986, in pieno boom economico e all’interno di un settore stimolato dalla grande richiesta del mercato. Tanti i cambiamenti che avevamo di fronte e le sfide che ci saremmo trovati a dover superare, eppure queste pareti sono ancora qui a circondarci, proteggerci, raccontarci.

Nel tempo abbiamo adattato il nostro modo di lavorare per incontrare le nuove esigenze del mercato: informatizzando il magazzino, adottando nuove tecnologie per la progettazione e per la produzione, portando innovazione nei processi, investendo nel personale e nella sua formazione e infine mettendo la nostra esperienza al servizio di prodotti “sartoriali”. Oggi quella di Casale di Scodosia è la sede della divisione Production, dedita alla produzione di sedie al grezzo, affiancata dal 1996 alla divisione Trading specializzata nella vendita e commercializzazione dei prodotti finiti.

IL VIAGGIO DEL LEGNO

Durante questa giornata dedicata alle nostre origini abbiamo accompagnato gli ospiti in un percorso esperienziale tra i macchinari e le postazioni dei nostri artigiani, per far vivere in prima persona il viaggio che trasforma il legno grezzo in solide sedie.

Dalla prima selezione del materiale quando il legno viene troncato, al taglio, la lavorazione e rifinitura dei componenti, fino all’assemblaggio della struttura finale. Tra i tanti strumenti che accompagnano il lavoro abbiamo mostrato il nostro “attaccapanni”, che raccoglie ogni dettaglio sulle sedie attualmente in produzione per permettere agli artigiani di accedere alle informazioni e lavorare in armonia.

Prima della tinteggiatura ogni nostra sedia viene marchiata a pressione con il nostro logo, numero di lotto e data di produzione. Per non farci imitare? No, per rendere tracciabile ogni sedia e assistere i nostri clienti nel modo più veloce ed efficiente possibile.

TRASPARENZA E APERTURA

A tutti i presenti abbiamo raccontato e mostrato il nostro modo di lavorare, per trasmettere ciò che abbiamo imparato negli anni, creare connessioni e infondere la passione che ci anima giorno dopo giorno.

Ogni difficoltà ci indica la via per migliorare, ogni successo ci insegna il valore dell’esperienza.

CULTURA E SOSTENIBILITÀ

I nostri ospiti hanno avuto l’occasione di toccare e annusare il legno, di conoscerne la provenienza e la lavorazione, mentre i più piccoli hanno sperimentato e scoperto l’aspetto più ludico di questo materiale attraverso giochi e strutture, sempre rigorosamente in legno.

Il nostro impegno verso la natura si riflette nel momento stesso in cui scegliamo la nostra materia prima, a inizio anno nelle foreste dell’Europa centrale, quando assieme alle guardie forestali scegliamo i tronchi più grandi e più vecchi, per permettere agli alberi più giovani di continuare a crescere preservando così l’integrità del patrimonio floristico. Gli scarti di lavorazione, poi, scaldano la nostra fabbrica per tutto l’inverno.

CRESCITA UMANA

I nostri dipendenti sono i nostri collaboratori più importanti: nello stabilimento produttivo a Casale di Scodosia si lavora in famiglia, tra persone accomunate dal desiderio di fare qualcosa di buono. Insieme. Così questo evento è stato creato con il contributo di tutti e con l’idea di accogliere in questa giornata anche i familiari di chi qui ci lavora ogni giorno.

La nostra forza è racchiusa in questo stabilimento, la crescita umana di questa famiglia e azienda.

A concludere il tour all’interno dell’ala produttiva, seguendo il percorso dal materiale grezzo alle sedie finite delle nostre nuove collezioni, non poteva mancare un brindisi con prodotti locali accompagnato da musica live e qualche momento di relax all’aperto, nel tepore di questa giornata di fine maggio.

ALLA PROSSIMA

Vi aspettiamo al prossimo capitolo di questo diario personale, per raccontarvi tutto sulla nostra partecipazione al Festival delle Basse.